OfferteOfferte
Inviare richiesta

Newsletter abbonare

Qui trovate la nostra informativa sulla privacy e le condizioni di revoca.

Prenota online
Alto Adige Balance 2019

Il maso Proihof: una fattoria con una lunga tradizione

Il nome Pray (Proi) appare per la prima volta in un registro che risale all’anno 1288. Il nome di origine celtico-romanica è considerato un’indicazione che la zona una volta era coperta di foreste e boschi misti. Nel 1300 i masi originari furono divisi. Il maso Proihof non è un maso originario, ma una proprietà nata dalla divisione.

Il maso Proihof nel 1970

Il Proihof è un maso chiuso. Le radure con abitazione contadina e fienile, uniti agli appezzamenti circostanti, costituiscono un maso. Con questo termine in Tirolo si intende l’insieme di fabbricati e terreni che appartengono a un’azienda agricola. Il maso poi si definisce “chiuso”, quando non può essere spartito, ma deve essere trasmesso in eredità nella sua interezza. Quando il proprietario è ancora in vita, cede interamente il maso al proprio successore. Nel 1526 l’ordinamento del Land Tirolo proibì la suddivisione reale (Realteilung). Questo per assicurare la continuità dei masi, contrastando l’impoverimento delle famiglie contadine. Nell’Italia meridionale, per esempio, la molteplice frammentazione della proprietà terriera portò alla fuga dalle campagne e all’abbandono dei villaggi alpini. Durante il periodo del fascismo la legge del maso chiuso venne abrogata ma volontariamente portata avanti dalla maggior parte dei contadini fino agli anni ’50 del XX secolo, quando venne reintrodotta come legge provinciale.

Delle circa 19.000 aziende agricole altoatesine oltre 11.000 sono masi “chiusi”, a testimonianza che questa rimane ancora una consuetudine in uso, ora più che mai di attualità e importanza.

Gli attuali proprietari – la famiglia Messner – vivono al maso Proihof dal 1946.

Il maso Proihof nel 1990

Il maso Proihof nel 1981

La casa per gli ospiti Proihof

Visto che l’antica casa colonica doveva essere ristrutturato completamente, nel 1980 la famiglia ha deciso di costruire un nuovo edificio. Il progetto prevedeva già la creazione di camere per ospiti. Dopo il rinnovo, l’11 luglio 1990 Paola Sturani venne come primo ospite per trascorrere le sue vacanze al maso Proihof.

La casa per gli ospiti Proihof

Dopo 25 anni la famiglia Messner ha deciso di rinnovare nuovamente l’intero edificio. Dal primo maggio 2016 gli ospiti possono prenotare gli alloggi vacanza nel nuovo edificio. Vi fanno parte le nuove camere doppie, gli appartamenti, una stube più ampia e accogliente e una confortevole area reception.

La vostra famiglia ospitante

proihof-2016